Le opere donate al Museo

_Destini svelati è il titolo dell’opera con cui Mario Sasso ha omaggiato la città attraverso due video ritratti, (“Barattini”, video, 4’ 13’’, 2010 – “Ritratto di gruppo” – video, 5’ 25’’, 2010), uno individuale ed uno di gruppo, che rivelano alcune identità emblematiche legate al marmo e alle cave di Carrara. La scoperta dei destini avviene attraverso la fisiognomica dei soggetti che l’artista ha lasciato soli davanti alla telecamera fissa in modo che il linguaggio materiale del marmo e della scultura si possano rivelare attraverso questi volti colti nella smaterializzazione del mezzo digitale.

 

L’opera di Mario Sasso verrà donata al Museo del Marmo dopo la chiusura di Post Monument, XIV Biennale di Scultura di Carrara, a ricordare che l’arte ha perso quell’aura che permetteva alla scultura di farsi monumento ma pur venendo meno la distanza tra opera e fruitore, un lavoro antimonumentale ci può riportare direttamente al passato ed invitarci a trovare soluzioni nuove per il marmo senza prescindere dalla consapevolezza e dal rispetto del materiale.

 

Il lavoro di Mario Sasso ci invita a cercare per le strade ciò che resta dei carraresi (localmente chiamati “carrarini”), della cultura lapidea e dell’amore per una terra che ora si nega ora si concede al suo pretendente.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: